come aiutarci:






Conti intestati a ONLUS AMICI DEL GUATEMALA:
- C.C. Banca Etica IT24X0501802800000011076130 (per bonifici)
- Postale N°12582540 (per versamenti con bollettino postale)

mercoledì 16 ottobre 2019

Il Vescovo Cardinale Alvaro Ramazzini Imereri e gli «Amici del Guatemala».




La nostra Associazione incontrò, una prima volta, alcuni anni fa Mons. Alvaro Ramazzini, Vescovo di S.Marcos in Guatemala, nominato ora Cardinale dal Papa Francesco. Ricevemmo un’ottima impressione dalle sue parole e dal racconto delle sue opere [sia in favore dei poveri, sia contro le distruzioni delle foreste da parte delle Multinazionali, dove ci trovò accumunati nella protesta contro Enel: vedi https://www.amiciguatemala.org/search/label/Caso%20Enel%20Guatemala], ottima impressione confermata da questa elezione Cardinalizia che indica la stima del Papa nei riguardi di questa persona da sempre a servizio della Chiesa e dell’umanità.

Ramazzini ha lasciato un’intervista dove evidenzia questa sua attenzione verso tutto quanto è umano, leale, legale, pacifico: «In Guatemala c’è chi mi accusa di aver estorto la nomina… Sono persone che non hanno mai parlato con me; alcune fanno parte della Chiesa, altre del settore filomilitare, altre ancora sono gente ricca e ritengono il mio pensiero marxista, ma la mia è solo dottrina della Chiesa. Ho contro di me anche dei contadini perchè dico che non si usa la violenza per affermare i propri diritti. Quando prendi posizioni tipiche del Vangelo, la reazione è questa».

Il fatto che questo uomo, vescovo, cardinale, che è A.Ramazzini, a 72 anni, criticato e combattuto da tanta gente, abbia ancora l’entusiasmo e la convinzione per un servizio a tutto campo verso il suo popolo, e in esso verso l’umanità: affinché sia trattato con giustizia, affinché sappia emanciparsi dalla povertà, affinché possa accedere a una vita dignitosa, … ecco tutto ci convince che il nostro impegno verso quel medesimo popolo è ben fondato e ben valido. Dunque quanto apprendemmo in quell’incontro non solo non era un inganno, ma ha convinto lo stesso Papa Francesco ad eleggerlo Cardinale e in lui il Papa avalla la sua opera come un progetto degno di essere intrapreso e attuato.

Dobbiamo essere fieri di affiancare un così degno Pastore. 
 
 

martedì 30 luglio 2019

20 anni del centro educativo San Martín de Porres


Carissimi membri dell'Associazione Amici del Guatemala, quest'anno ricorre il 20 ° anniversario del centro educativo di San Martín de Porres. Vogliamo ringraziare tutti voi che avete contribuito, finanziariamente, moralmente e spiritualmente affinché il progetto educativo potesse continuare a funzionare nel Comune di Dolores.
A nome di tutto il personale docente, amministrativo e degli studenti, invio i nostri più sinceri ringraziamenti per il vostro contributo all'istruzione della gioventù guatemalteca. Ringraziamo Gianna Berti e padre Attos Turchi per essere in prima linea nell'associazione e vigilare sempre sui bisogni della nostra gente, tutti coloro che si uniscono e che contribuiscono con il loro granello di sabbia al progetto, che Dio benedica enormemente ciascuno.
Condividiamo con voi il programma delle attività per i 20 anni di anniversario che si svolgeranno dal 30 di luglio al 2 agosto.
Con attenzione David Miguel (il Direttore)




mercoledì 30 gennaio 2019

SCUOLA: inizio anno scolastico 2019

Il Direttore della Scuola San Martin De Porres di Dolores ci scrive:



Un cordiale saluto dal personale del centro educativo San Martin de Porres. Abbiamo appena iniziato il nuovo anno scolastico ed è un gran piacere continuare a condividere questo cammino con ciascuno dei nostri studenti. Nella speranza che per questo 2019 Dio ci dia saggezza per continuare il nostro servizio educativo.
Ringraziamo i membri dell'associazione Amici del Guatemala che rendono possibile lo svolgimento delle attività educative. Il nostro principale obiettivo è di permettere ai giovani con scarse possibilità economiche di poter effettuare un ottimo percorso scolastico.
Per tutto questo ancora un sentito grazie per gli aiuti.
Molto sinceramente
David Miguel
Direttore CSMP

REALTA’
Siamo un'istituzione scolastica dedicata alla formazione dei giovani, forniamo loro sia valori umani che cristiani, sia un cammino educativo-pastorale. I nostri bravi insegnanti accompagnano ed animano gli studenti con attenzione al sociale, con percorsi interdisciplinari e innovativi, con efficiente uso della tecnologia e con l’ottimo uso dell'infrastruttura.

MISSIONE
Siamo una Istituzione Educativa, Impegnata nella Educazione umana-cristiana dei giovani del Peten, preferibilmente i più poveri e bisognosi o con scarse possibilità economiche, dando loro una formazione solida e completa, con atteggiamento critico e creativo che li prepari a crescere e svilupparsi, con il proposito di contribuire, con spirito partecipativo e solidale, nella trasformazione del tessuto sociale.

Studenti anno scolastico 2019

No
Classe
Femmine
Maschi
Alunni
1
Quarto
11
17
28
2
Quinto
7
17
24
3
1Media
5
10
15
4
2Media
5
11
16
Total
28
55
83
 


 
prima media


seconda media

quarta superiore

quinta superiore

messa di innaugurazione


atto civito per l'innaurazione
riunione con i genitori
rinione con i genitori
riunione organizzativa dei docenti

riunione organizzativa dei docenti



riunione dei ragazzi che vivolo interni al collegio della scuola


















sabato 8 dicembre 2018

Auguri con Amici del Guatemala



Cari Amici del Guatemala e anche miei,
il Natale cristiano è prossimo: Dio nasce nella capanna di Betlem. E perché? Non aveva altro da fare? Riflettiamo. Dio non ha detto: «io sono Dio e voi una massa di fetenti peccatori» ma si è fatto uomo ed è diventato come noi. Così ogni cristiano non può mai dire «io sono italiano voi africani», o «io sono bianco e voi neri» o «io sono europeo e voi immigrati extracomunitari» o «io sono ricco e voi siete poveri» o «io sono il capo e voi i sudditi» o «io sono il padrone e voi i lavoratori»… ecc. ecc. Insomma ogni qualvolta che il cristiano si pensa diverso da ogni altro non è un cristiano perché il Dio in cui crede non fa così, infatti, proprio per non far pesare agli uomini l’infinita distanza tra Lui e le sue creature…, SI FA UOMO, perché non vuol entrare nella storia umana come diverso dagli uomini, come un extracomunitario vorrei dire.
Tutti i nostri valori umani li deriviamo da questo assunto cristianissimo, e possiamo parlare di diritti perché prima di tutto non abbiamo voluto differenziarci dall’africano, dall’immigrato, dal perseguitato, dal violato, dall’abbandonato, dal vessato… ogni qualvolta che ci sentiamo diversi da tutti questi: bene, non abbiamo più diritti perché non li riconosciamo nell’altro come nostri.
Ciascuno di noi è bianco, nero, rosso e giallo; ciascuno di noi è un migrante, violato, perseguitato, affamato; ciascuno di noi è lì dentro acque marine infide, è lì nei campi di lavoro e di tortura.
Quando abbiamo eliminato ogni divisione tra «noi e loro; tra l’io e il tu» - perché in Dio non esiste un “loro” o un “altri” o “i diversi” – allora alziamo il capo e guardiamo lontano un futuro grande è in arrivo.
Questo è l’augurio natalizio che invio a tutti gli Amici del Guatemala per incoraggiarci a rimanere fedeli a quei valori umani che nell’Associazione crediamo, difendiamo e sosteniamo con l’intento di generare una nuova umanità più umana e dignitosa.
P.Athos Turchi